Koi

Ecco un altro tassello del mio progetto di piccoli dipinti a Ecoline con “tatuaggi” simbolici tracciati con penna a biro BIC, l’opera “Koi”, realizzata su carta Arches Aquarelle HP 640gr in formato 15x20cm con ecoline, china e penna biro. Raffigura il petto tatuato di una donna che si mostra attraverso abiti un po’ aperti con il tatuaggio di una Carpa Koi.
Questa carpa giapponese è uno dei pesci più diffusi e apprezzati, non solo per la bellezza dei suoi colori, ma soprattutto perché simboleggia principalmente la perseveranza. Per il suo nuotare controcorrente, come il salmone, rappresenta anche l’anticonformismo e la forza di superare le avversità. Nei tatuaggi anche la direzione del pesce ha il suo valore simbolico: quando la carpa nuota controcorrente (verso l’alto) simboleggia una lotta ancora in corso, la volontà di non arrendersi e il voler raggiungere obbiettivi sempre più difficili, quando nuota seguendo la corrente (verso il basso) simboleggia il non aver ancora raggiunto i propri obbiettivi.
Secondo un’antica leggenda cinese, proprio risalendo la corrente del Fiume Giallo e superandone tutti gli ostacoli, una carpa fu trasformata dagli dei in un drago, come premio al suo coraggio e perseveranza. Sotto forma di drago la carpa acquisisce il dono dell’immortalità ed è quindi anche simbolo di chi aspira a compiere grandi imprese e non teme di affrontare le avversità della vita.